Cosa vuol dire “Gluten Free”?

Negli ultimi tempi, sia nelle pubblicità che in televisione, sentiamo parlare sempre più frequentemente di alimenti o cibo Gluten Free.
Cosa si nasconde però dietro questa dicitura? E cosa vuol dire che un alimento è senza glutine? A chi è destinato? Per chi è adatto, o addirittura necessario?

Gluten Free è una dicitura inglese che vuol dire in italiano, appunto, senza glutine. Questa dicitura viene inserita sulle confezioni di alimenti che non contengono questa sostanza e che invece, normalmente, la dovrebbero contenere.

È il caso di farine speciali, pasta, pane confezionato e biscotti che se in condizioni di preparazione normali contengono in genere glutine, quando si tratta di prodotti gluten free lo rimuovono o ricorrendo a particolari processi produttivi, oppure utilizzando materie prime che non contengano naturalmente questa lipoproteina.

Che cos’è il glutine?

Il glutine è una lipoproteina che si può trovare nel frumento, nel farro, nella segale e nell’orzo. Si tratta di una lipoproteina che non può essere correttamente assimilata da chi è affetto da celiachia, un disturbo che rende assolutamente necessario cambiare la propria dieta e consumare, al posto dei prodotti sopra elencati, versioni che siano Gluten Free.

Sono difficili da trovare i prodotti senza glutine?

Niente affatto. L’industria alimentare, grazie ad aziende italiane del calibro di Farabella è ormai in grado di offrire un’ampia gamma di prodotti che utilizzano farine prive di glutine e che quindi sono commestibili e sicuri anche per chi soffre di celiachia. Se un tempo questo tipo di prodotti si potevano trovare soltanto nelle farmacie, oggi sono disponibili anche nei supermercati comune, dove a questo genere di preparati viene in genere riservata una intera sezione.

Si possono trovare non solo pasta secca e farine, ma anche biscotti, preparati per torte e per pizze, pizze bianche e focacce e in generale ogni tipo di prodotto che utilizzerebbe farine di frumento o orzo. Le scelte sono diventate sempre più ampie e cosi la possibilità di mangiare cibi diversi per tutti i celiaci.

Commenta Qui sotto

commenti