Lo Zafferano

Lo zafferano, quando si dice l’oro nel piatto“..

Colora allegramente il più classico dei risotti e aggiunge a minestre e zuppe di pesce e verdure quel tocco di classe che insaporisce e aromatizza.

Ma oltre ad essere prezioso nelle ricette in cucina, lo zafferano ci aiuta a curare, per chi non lo sapesse, con dolcezza e delicatezza piccoli  ma fastidiosi disturbi come: mal di stomaco ed anche dolori mestruali per esempio.

Mantiene giovani, la sua azione anti radicali liberi è ancora più spiccata di quella della portentosa Vitamina C.

Certo è una spezia carissima , può arrivare a costare anche sino a 3000 / 4000 mila euro al kg, ma il suo costo è più che giustificato.

Per estrarre la polvere usata in cucina è essenziale una lavorazione lunga e delicata, occorrono dai 130.000 ai 150.000 fiori e circa 500 ore di lavoro per ottenere un solo chilo di zafferano.

Per fortuna, ne basta talmente poco per colorare ed insaporire i nostri piatti. Le Bustine delle marche più famose in vendita anche nei supermercati ne contengono 0,6 grammi.

Eppure vale veramente la pena comprare lo zafferano di qualità: quando il piatto si colora di giallo oro, ogni forchettata si trasforma in un momento di benessere .

Difatti questa magica spezia possiede un eccellente, come dicevano, potere antiossidante, in quanto ricca di crocetina, crocina e picrocrocina, sostanze appartenenti al gruppo dei carotenoidi, i pigmenti gialli, rossi ed arancioni presenti negli ortaggi e nella verdura.

Le loro proprietà?

Sono particolarmente efficaci contro l’aggressione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce della pelle. Sorprendentemente nello zafferano ( ma solo in quello di migliore qualità ) il contenuto di carotenoidi oscilla intorno all’8% contro lo 0,008% della carota ( uno dei vegetali più ricchi di questa sostanza ).

Ossia 1000 volte di più! Queste sostanze contrastano l’azione di quella piccola percentuale di ossigeno che non viene utilizzato come carburante energetico, ma che può trasformarsi in radicali liberi.

Gli effetti benefici dello zafferano erano conosciuti fin dall’antichità e sono ancora largamente sfruttati dalla medicina cinese e da quella indiana. Lo zafferano infatti oltre ai carotenoidi contiene altri elementi preziosi per il nostro organismo: la vitamina B1 e B2 necessarie per la crescita e per il metabolismo di grassi, carboidrati e proteine, gli aromi naturali che favoriscono la digestione e riattivano il metabolismo.

Lo zafferano dunque possiede il grande pregio di migliorare le caratteristiche del cibo, favorire la digestione e preservarci con i suoi antiossidanti dall’invecchiamento.

Gli scienziati hanno calcolato che le quantità di zafferano necessario ad insaporire un risotto o un piatto di pasta ( 0,05 grammi ) frena l’azione di una quantità di radicali liberi doppia rispetto a quelli eliminati dalla vitamina c. In pratica un primo allo zafferano può contrastare l’effetto di circa il 20% dei radicali prodotti al giorno.

I principi attivi di questa spezia infatti, agiscono come cura anti-invecchiamento per le cellule.

Perciò è importante non farlo mai mancare sulle nostre tavole e nei nostri piatti e nella nostra alimentazione giornaliera e settimanale.

Aiuta anche a pedere peso e mantenere il peso sotto controllo, basta seguire una dieta equilibrata e contenga nei piatti, nel corso della settimana, una buona percentuale di zafferano 😉 .

Ricordatevi che con lo zafferano si possono preparare davvero molteplici ricette, dall’antipasto, al secondo, contorno e persino il dolce..

Buon appetito a tutti e ricordatevi sempre di colorare d’oro lucente i vostri piatti!

Non perdetevi le nostre ricette!!

Crackers allo zafferano
Bruschetta mediterranea allo zafferano
Risotto giallo, porri e gorgonzola
Liquore allo zafferano
Frappè Zafferano e Vaniglia
Muffins alle carote e zafferano
Tortino di pane allo zafferano

Commenta Qui sotto

commenti

Reply