Falafel fatti in casa

I falafel sono un classico nella cucina orientale. Ma cosa sono i falafel, che si possono preparare anche con le fave secche o altro legume a scelta? Non sono altro che polpettine speziate a base di ceci, cipolla, aglio e prezzemolo.

Ottimo da servire come secondo piatto o come antipasto o stuzzichino per aprire la cena.

Sfiziosi e buoni accompagnati con salse o altri intingoli per gustarli al meglio.

 

Ingredienti

  • 300 grammi di ceci secchi messi in ammollo per 12 ore
  • 2 spicchi d’aglio
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 1 cipolla
  • poca farina
  • un pizzico di bicarbonato
  • olio di semi di girasole
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Mettere in ammollo i ceci con un pizzico di bicarbonato per almeno 12 ore (una notte intera circa).
Cambiare l’acqua di ammollo per almeno 2 – 3 volte.

Trascorso il tempo di ammollo, sciacquare sotto l’acqua corrente i ceci, versateli nel boccale del frullatore, aggiungete cipolla, aglio e prezzemolo tritati e frullate il tutto affinchè non diventi un composto sodo ma omogeneo e ben frullato.

Se il composto non risultasse abbastanza compatto e sodo, aggiungete qualche cucchiaio di farina, anche di riso per i celiaci, per addensare e compattare.
Salate e pepate il composto e lasciate che il tutto riposi almeno per un’ora.

Trascorso il tempo di riposo dell’impasto portate a calore giusto l’olio di semi in una larga padella, tuffate i falafel precedentemente formati prelevando dall’impasto tante palline da arrotolare fra le mani, e pochi per volta friggeteli finché non si dorano.

Scolateli e poggiateli su carta assorbente.

Se non volete friggere potete anche cuocerli in forno a 180° spennellandoli prima con olio evo e lasciarli dorare per bene.

Disporre nel piatto accompagnando con salse a scelta-

Buon Appetito

Commenta Qui sotto

commenti

Reply