Vendere caffè online è un business in crescita

Vendere caffè online è un business in crescita. All’inizio del millennio, ma anche solo dieci anni fa, sarebbe stato impensabile vendere il caffè online. Magari qualche imprenditore intraprendente già aveva iniziato a percorrere questa strada, ma di sicuro non era la norma e non era neanche un business redditizio. Come lo è ora, invece.

Innanzitutto, dieci o venti anni fa era ancora in voga la moka e il caffè espresso del bar era lo sfizio, il di più. L’innovazione tecnologica, come sempre, ha cambiato le abitudini dei consumatori, degli italiani in primis. La diffusione capillare delle moderne macchine da caffè espresso a cialde o capsule ha fatto sì che per gustare un buon caffè non occorra andare al bar: lo si può sorseggiare tranquillamente in casa o sul luogo di lavoro, o nelle sale di attesa.

Le macchine hanno dimensioni ridotte, davvero poco ingombranti, e sono di facile utilizzo: bisogna solo assicurarsi che ci sia acqua nel serbatoio e inserire la capsula o cialda di caffè. Il tutto ad un costo esiguo, tra i venti e trenta centesimi di euro. 

Fatto questo breve excursus è più facile capire come il mercato sia cambiato, come è stato possibile che il caffè in grani o polvere abbia ceduto il passo al monoporzionato (capsule e cialde) in un periodo di tempo tanto breve. Di conseguenza, il cambio di abitudini di consumo ha portato anche una variazione sul piano commerciale.

Anche la modalità di acquisto del caffè è cambiata nettamente: gli scaffali dei supermercati hanno iniziato a proporre sempre più marche di caffè monoporzionato per i diversi tipi di macchine; sono sorti numerosi punti vendita dedicati esclusivamente al caffè in cialde e capsule dei diversi brand, come pure sono sorti punti vendita monomarca.

Soprattutto, però, il commercio si è spostato sul web, dove vendere il caffè online significa offrire un’elevata varietà di prodotti a prezzi estremamente competitivi, ben lontani da quelli dei canali GDO e RETAIL.

Avviare uno store online di caffè è il business del momento.

Rivenditori come chiccoricco.it che si rivolgono tanto ai privati quanto agli esercizi commerciali o clienti con partita IVA, vantano un grande magazzino capace di accogliere enormi quantitativi di caffè delle migliori marche, miscele e formati compatibili con i diversi sistemi di macchine da caffè domestiche.

Non hanno intermediari, sono loro stessi gli unici intermediari tra la casa madre, l’azienda torrefattrice e il cliente finale: ciò si traduce in costi unitari notevolmente inferiori, rispetto al supermercato o al rivenditore fisico, che, tra l’altro, diminuiscono sempre più all’aumentare del quantitativo di caffè ordinato.

Vendere caffè online è la nuova frontiera, perché è un segmento di mercato che pian piano ha eroso il monopolio dei negozi fisici, diventando il (non) luogo preferito degli italiani per acquistare caffè in capsule o in cialde. Oltre ai prezzi convenienti, alle offerte a rotazione sulle diverse miscele, al vasto assortimento si deve aggiungere la facilità di acquisto.

L’utente non ha che da cliccare sul tipo di prodotto, selezionare il quantitativo e procedere all’ordine. Può pagare in tutta tranquillità on line con carta di credito, Paypal, bonifico bancario o in contrassegno alla consegna della merce direttamente al corriere.

L’ordine viene lavorato in tempi brevissimi, di media una giornata lavorativa e spedito con corriere espresso, pertanto dopo due o tre giorni il caffè sarà recapitato comodamente all’indirizzo indicato dal cliente, sia esso la propria casa o il luogo di lavoro.

L’efficienza, l’affidabilità, la rapidità, l’assortimento costante e continuo, nonché la convenienza assoluta sono tutte caratteristiche che hanno fatto la differenza e hanno permesso che il vendere caffè online diventasse il nuovo business del settore: staremo a vedere come si evolverà negli anni avvenire e se resterà il re indiscusso del mercato.

Commenta Qui sotto

commenti